Difetti di pronuncia: il calabrese

Il calabrese è uno degli accenti che desta più confusione, perché il cosentino è più simile al napoletano, mentre il reggino (‘rriggitànu) è di tipo siciliano. Nel mezzo vi è l’impronta greca, bizantina, latina e le parlate diverse della minoranza arbëreshë (greco – albanese).

Il dialetto calabrese rappresenta senz’altro un’importante risorsa culturale, è infatti sinonimo di storia e tradizioni che devono essere senza dubbio preservate nel tempo. Tuttavia, soprattutto dal punto di vista professionale e lavorativo, si rende a volte necessario ridurre i difetti di pronuncia e l’inflessione dialettale per sostituirla con una più neutra, in cui a dominare siano gli accenti propri della lingua italiana più pura.

Per perfezionare la propria dizione è necessario avere consapevolezza dei propri errori di pronuncia. Vediamo insieme quali sono gli errori più ricorrenti tra i calabresi.

Vocale finale indistinta

Presenza della vocale finale neutra indistinta.

Rafforzamento di B e G

I calabresi si contraddistinguono per la pronuncia forte di ad inizio di parola e in posizione intervocalica, quindi subbito per ‘subito’, abbile per ‘abile’, raggione per ‘ragione’, aggile per ‘agile’.

Dittongamento di E e O

Presenza di fenomeni metafonetici con dittongamento di e ed o toniche in presenza di vocale finale chiusa.

Assimilazione del nesso consonantico -nd-,

Questa peculiarità tipica del calabrese comporta, ad esempio, una sovrapposizione tra quando e quanto, Quindi quanno per ‘quando’.

La S sorda intervocalica

In tutta la Calabria, ma anche in gran parte dell’Italia meridionale, la S intervocalica è costantemente sorda. Per esempio, le parole isola e viso si pronunciano /’izola/ e /’vizo/ (con due S sonore), ma nell’Italia centro-meridionale e in Calabria vengono pronunciate /’isola/ e /’viso/ (con due sorde).

Sonorizzazione delle occlusive

Sonorizzazione delle occlusive sorde dopo consonante nasale, quindi anghe per ‘anche’, sembre per ‘sempre’

Passaggio da s a z

Nell’Italiano regionale di Calabria ricorre il passaggio di “ns” in “nz” (penso -> penzo).

Vocali aperte

Il calabrese si caratterizza per la pronuncia generalizzata di tutte le vocali toniche intermedie, quindi vèla, tenère, avère, sòle, colòre.

T aspirata

Tipica aspirazione di t rafforzata o preceduta da n e r, quindi pitthore per ‘pittore’, conthare per ‘contare’

Raddoppiamento sintattico della r

addoppiamento sintattico o fonosintattico si verifica quando la consonante iniziale di una parola, in particolari condizioni, raddoppia nella pronuncia. E’ tipico dell’area reggina, quindi la rreggina per ‘la regina’, la rrena per ‘la rena’, la rrosa per ‘la rosa’.

Per migliorare la tua voce, trovare tecniche di rilassamento o semplicemente imparare la respirazione diaframmatica, approfondisci le tue competenze personali tramite il corso di dizione di Dizione.it: il sito dedicato alla Dizione italiana.

Leggi anche “Difetti di pronuncia: gli errori degli spoletini”

Leggi anche: “Difetti di pronuncia: I Perugini”

Scarica le prime 3 lezioni del Video Corso di Dizióne.it

[yikes-mailchimp form=”3″]

giuseppe ippoliti
giuseppe ippoliti

Voce pubblicitaria di numerose campagne radiotelevisive nazionali: Zuegg, Barilla, Crik Crok, Trony, Fiat e doppiatore in: The War – Il pianeta delle scimmie – Gabriel Chavarria (film); Dirk Gently – Dustin Milligan (serie tv); Paradise Police – Kevin (cartone animato).

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Serve una mano?

Siamo qui per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Scrivici su WhatsApp al 366 366 7166

Sconto di €100
su tutti i Corsi di Dizione.it

SCADE TRA
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

*Promo valida fino ad esaurimento posti