Il sonniloquio: perché capita di parlare nel sonno

Il sonniloquio, o parlare nel sonno, è una pratica comune a molte persone ed è una forma di attività del cervello “in dormiveglia”.

Durante il sonno il nostro cervello, non completamente addormentato, continua a formulare pensieri che noi esprimiamo ad alta voce anche se non ce ne accorgiamo.
Possono essere versi incomprensibili, parole, intere frasi, sensate o meno. Nel sonniloquio emergono pensieri e idee rimasti latenti nel nostro cervello, e il nostro subconscio li lascia riaffiorare. I monologhi possono legarsi al sogno in corso, essendo probabilmente dialoghi con l’interlocutore che stiamo sognando, ma da fuori è difficile capirlo.

Perché capitano episodi di sonniloquio?

Le ragioni possono essere diverse, a seconda di chi subisce questo disturbo.
I bambini manifestano episodi di sonniloquio, perché stanno sperimentando varie fasi e un ritmo nuovo del sonno. Da neonati, invece, spesso il risveglio notturno era spontaneo. Inoltre il sonniloquio può manifestarsi in casi febbrili. In ogni caso, il bambino si sveglierà senza ricordarsi nulla.


Anche gli adulti non ricordano gli episodi di sonniloquio, ma questa alterazione può avvenire durante un periodo di stress: il subconscio decomprime lo stato di irrequietudine anche così.
Sia nei bambini che negli adulti il sonniloquio si manifesta sempre in una fase molto profonda del riposo. Se però negli adulti capita spesso bisognerebbe capirne l’origine per cercare di risolvere o attenuare l’alterazione.


Se per le forme più acute conviene rivolgersi a un medico, per le fasi leggere possiamo dare qualche semplice consiglio. Condurre un ciclo di sonno regolare e di almeno 8 ore, evitare cibo pesante o alcol prima di dormire, praticare regolare attività fisica, specie per rilasciare endorfine e scrollarsi di dosso la pressione accumulata durante il giorno. Un metodo sempre più diffuso sono i video e gli audio ASMR, che conciliano un sonno sereno e riposato.
Anche perché non dimentichiamoci che chi subisce l’alterazione nel sonno non siamo solo noi che parliamo, ma anche ci è costretto a sentirci e vorrebbe dormire 🙂

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche ASMR, il rilassamento della mente attraverso il sussurro della voce.

Default image
Giulia Gullaci

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Serve una mano?

Siamo qui per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Scrivici su WhatsApp al 366 366 7166