Disfonia e disodia: cosa sono

Avete mai sentito parlare di disfonia e disodia? Anche se non sapete cosa siano, probabilmente l’avete provata almeno una volta nella vita, specie se lavorate con la voce.

La disfonia è il cambiamento della nostra voce, sia a livello quantitativo che qualitativo, per esempio se si abbassa, se diventa rauca, se cambia per tosse o mal di gola. Si differenzia dall’afonia, che invece è l’assenza totale di voce.
Anche con disodia intendiamo un cambiamento della nostra voce, ma nel canto. Da non confondere con questa disodia.

Oltre a problemi patologici o di salute, la disfonia e la disodia possono derivare da stress accumulato che si sfoga anche tramite alterazione dello strumento vocale.

L’alterazione però spesso può essere frutto di un uso scorretto della voce. Questo motivo è comune per chi lavora con la voce, come insegnanti, speaker, attori, doppiatori, avvocati, cantanti. Non è raro che la nostra capacità comunicativa possa compromettersi se sforziamo troppo o se non educhiamo la voce alla miglior resa possibile, proteggendola.

Come fare per prevenire la disfonia e la disodia?

Al di là di malformazioni o situazioni particolari che richiedono l’intervento di un otorinolaringoiatria, questo tipo di alterazioni può essere prevenuto con accorgimenti quotidiani.
Evitare di schiarirsi la voce per non sforzare le corde vocali, non fumare e non bere troppo caffè possono essere un primo passo. Se si è in giro, evitare di sottoporsi a sbalzi di temperatura repentini. L’idratazione è fondamentale per “pulire” e disinfettare la voce. Non sottovalutare il riposo: così si garantisce al fisico un rilassamento totale, facendo recuperare al corpo e alla voce le energie necessarie da impiegare successivamente.

Per prevenire la disodia serve anche un allenamento canoro con esercizi specifici per le corde vocali e di mantenimento per l’estensione, da svolgere sistematicamente. L’obiettivo è non essere “freddi” vocalmente, ma anzi avere l’apparato riscaldato e pronto allo sforzo a cui si sottoporrà la voce.

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche Professioni che “parlano”: i lavori che usano di più la voce.


Default image
Giulia Gullaci

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Serve una mano?

Siamo qui per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Scrivici su WhatsApp al 366 366 7166

Approfitta degli Sconti Estivi

Arrivano i Summer Sales di Dizione.it

Tutti i Corsi di Dizione in Promozione per il mese di Giugno