Alfabeto IPA, che cos’è e perché è importante?

L’alfabeto IPA è l’International Phonetic Alphabet, ovvero il sistema di scrittura alfabetico utilizzato, a livello internazionale, per rappresentare i suoni delle lingue nelle trascrizioni fonetiche.

In linguistica, infatti, per fonema si intende la più piccola unità di suono di un sistema linguistico. Un elemento che, in combinazione distintiva rispetto alle altre, dà luogo alle parole di una lingua.

Per rappresentare questo suono graficamente è necessaria una trascrizione fonetica: un insieme di segni che ci indichino come leggerlo. Da qui la necessità di un alfabeto che omologasse, a livello globale, la pronuncia di ciascuno di questi segmenti.

Come si scrive in alfabeto IPA?

In primo luogo, come si caratterizza l’alfabeto IPA? Come anticipavamo l’IPA, che, in italiano, è conosciuto anche con l’acronimo AFI (Alfabeto Fonetico Internazionale), è composto da una serie di simboli che servono per trascrivere i suoni. In totale questi grafemi sono centosessanta, ogni lingua però ne utilizza un numero ristretto, a seconda delle proprie caratteristiche. Vediamo nel dettaglio come sono raffigurati questi fonemi.

Vocali e consonanti

Le vocali, nell’alfabeto IPA, si presentano così:

vocali alfabeto IPA

A seconda delle loro caratteristiche, hanno una determinata pronuncia: quella che vediamo nello schema è proprio la rappresentazione grafica di quest’ultima.

Molto probabilmente, vi sarà già capitato di vedere alcuni di questi simboli. Ad esempio, se avete consultato un dizionario per capire qual era la giusta pronuncia di una parola, avrete visto i simboli ɛ (e aperta) o ɔ (o aperta) accanto ai vocaboli. Ecco, questa trascrizione fonetica rientra nell’alfabeto IPA.

Le consonanti, invece, sono classificate con questa rappresentazione:

consonanti alfabeto IPA

Tutti questi sono simboli fonetici che compongono l’alfabeto IPA e ci suggeriscono come vanno pronunciati i fonemi.

Le parole in alfabeto IPA

Ogni parola scritta in alfabeto IPA, composta quindi dalle vocali e dalle consonanti sopra riportate, viene poi inserita tra parentesi quadre, così da poterla isolare.

Successivamente ne si indica l’accentazione, mediante un trattino posto prima della sillaba tonica.

In più, in questo tipo di trascrizione fonetica, è necessario indicare la lunghezza delle vocali. Per farlo si usano i due punti dopo la vocale. Ma come si capisce su quali sillabe c’è una lunghezza maggiore? Nell’alfabeto IPA sono considerate lunghe foneticamente le vocali che si trovano in una sillaba tonica aperta, ossia la sillaba termina con una vocale non posta alla fine della parola.

Facciamo un esempio pratico con la parola “casa”. Questa, in alfabeto IPA, diventa [‘ka:za], con il trattino che indica dove “alzare maggiormente la voce” e i due punti che, invece, stabiliscono la lunghezza vocalica.

Come si legge l’alfabeto IPA?

Ora che abbiamo visto come si scrive l’alfabeto IPA, facciamo un’analisi inversa: come lo leggiamo, partendo dal testo?

Per leggere l’alfabeto fonetico è importante conoscere i punti e i modi di articolazione. Ci riferiamo quindi, per le consonanti, a quale luogo della cavità orale si attiva il suono e come lo pronunciamo. Nel primo caso, i punti di articolazione possono essere: bilabiale, labiodentale, dentale, alveolare, palato-alveolare, palatale, velare. I modi: occlusivo, nasale, laterale, polivibrante, fricativo, affricato, semiconsonantico.

Inoltre, bisogna capire la presenza di suoni sordi (pronunciati senza vibrazione delle corde vocali) e suoni sonori (con vibrazione).

Per le vocali, invece, basta sapere che queste si dividono in anteriori, centrali o posteriori, in base a dove si producono all’interno della cavità orale. Possono poi essere alte, medio-alte, medio-basse o basse.

Con queste indicazioni, conoscendo bene la base dei fonemi e mettendo a confronto i suoni analizzati con le tabelle grafiche riportate, sarete in grado di leggere l’alfabeto IPA partendo dal testo!

Vuoi saperne di più sul mondo della parole e della fonetica? Guarda i video di Dizione.it!

Camilla Cavalli
Camilla Cavalli

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Serve una mano?

Siamo qui per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Scrivici su WhatsApp al 366 366 7166

Sconto di €100
su tutti i Corsi di Dizione.it

SCADE TRA
Giorni
Ore
Minuti
Secondi

*Promo valida fino ad esaurimento posti