La respirazione diaframmatica in dizione

La respirazione diaframmatica è fondamentale per una corretta dizione e per migliorare l’uso della voce.

La respirazione ha la funzione principale di portare ossigeno al cervello ed espellere le tossine. Noi, però, la utilizziamo anche per parlare e per cantare.

La respirazione è una funzione vitale semi-automatica: ne possiamo assumere il controllo solo parzialmente. Infatti durante il sonno la respirazione funziona anche se noi non siamo coscienti.

La respirazione intercostale-diaframmatica è la più corretta perché quando respiriamo usando il diaframma utilizziamo al massimo la capacità polmonare, riempiendo e svuotando fino in fondo i polmoni.

Respirazione diaframmatica: conosciamo gli organi del corpo

Conosciamo dunque i polmoni e il diaframma e vediamo come funzionano.

I polmoni sono come due grosse spugne coniche: la base ampia si assottiglia in cima.

Il diaframma è un muscolo a forma di cupola, sistemato sotto i polmoni.

Per diaframma si intende un qualsiasi elemento, rigido o elastico, che separi due cavità o divida una cavità in due parti.

Il diaframma di cui parliamo costituisce il principale muscolo della respirazione: è un largo muscolo membranoso che divide la cavità toracica da quella addominale. È attaccato alla cassa toracica, di cui segue il perimetro.

Ha la forma di una scodella rovesciata a riposo, mentre quando lavora si appiattisce e si allarga, seguendo l’espansione della cassa toracica.

Quando inspiriamo, l’aria riempie i polmoni e li dilata. I polmoni, aumentando di volume, allargano la cassa toracica. La cassa toracica si allarga, tira il diaframma e lo appiattisce.

Impariamo la respirazione diaframmatica

Tutti da piccoli respiriamo correttamente; crescendo le cose cambiano.

In piedi di solito, da adulti, gli uomini hanno una respirazione abbastanza corretta anche senza esserne consapevoli, mentre le donne tendono ad avere una respirazione alta, poiché la natura mette in previsione una gravidanza.

Da distesi però, in posizione supina con le spalle a terra, la respirazione intercostale-diaframmatica si attiva automaticamente, facendoci respirare tutti in maniera più corretta.

Per prendere coscienza della respirazione intercostale-diaframmatica è sufficiente stendersi, per poi inspirare ed espirare come normalmente facciamo.

Poggiamo il palmo sotto la gabbia toracica: sentiremo il corpo espandersi o ritirarsi, a seguito del movimento del diaframma. Se poggiamo un libro al posto della mano, vedremo il libro salire e scendere. Dobbiamo imparare a utilizzare coscientemente questo tipo di respirazione anche in posizione eretta.

Possiamo allenarci stendendoci sul letto e posando un vocabolario sull’addome, osservando come si alzi e si abbassi al ritmo del nostro atto respiratorio; poi mettiamoci in piedi e cerchiamo di respirare allo stesso modo.

Per respirare correttamente in piedi seguiamo queste indicazioni:

la postura deve essere tonica ma non rigida, i muscoli tonici ma non tesi, le gambe leggermente larghe con i piedi ben piantati a terra, le spalle giù, il busto dritto, il mento parallelo al pavimento.

Svuotiamo completamente i polmoni e inspiriamo.

Inspirazione ed espirazione: come respirare correttamente

L’inspirazione va fatta dal naso: narici aperte, aria che entra lentamente e riempie i polmoni, dal basso verso l’apice.

Contemporaneamente la cassa toracica si allarga e il diaframma si contrae, con i muscoli addominali che diventano tonici (non spingono in dentro o in fuori, semplicemente sono attivi a mantenere la posizione assunta).

Poi, tre secondi di apnea, da contare mentalmente: servono a prendere coscienza e assumere il controllo della respirazione.

La colonna d’aria in questa fase poggia saldamente sul diaframma piatto, sostenuto dai muscoli addominali, e dalla nostra postura salda a terra.

Ed ecco la fase di espirazione: va sorvegliata e richiede grande cura. L’espirazione deve essere compiuta gradualmente, con continuità, controllando la spinta istintiva del diaframma, che tende a tornare nella sua posizione di relax, e la spinta dei muscoli addominali.

Consigliamo di eseguire questo tipo di respirazione tutti i giorni, al mattino, per cinque minuti.

Per aumentare la capacità respiratoria è utile esercitarsi nell’apnea: dopo una inspirazione profonda tratteniamo il respiro, cronometrando la durata dell’apnea per valutare i miglioramenti. Non bisogna esagerare però, altrimenti si sviene per iper-ossigenazione.

Istruzioni per una pronuncia corretta: Nuovo Manuale di Dizione Italiana

Questo articolo è estratto dal Nuovo Manuale di Dizione Italiana, a cura della nostra docente Alessandra Jandolo.

È possibile acquistare il Nuovo Manuale di Dizione Italiana a questo indirizzo.

La media company dietro Dizione.it: ecco Radio Speaker

Dizione.it è il sito della dizione italiana, uno dei portali di punta della media company Radio Speaker.

Su Radiospeaker.it è possibile accedere ai corsi di radio per scoprire il mondo della radio in Italia.

I corsi disponibili sono i seguenti: Corsi di Conduzione Radiofonica, Telecronaca e Radiocronaca, Regia e Post Produzione, Doppiaggio Pubblicitario, Podcasting, Dizione e Fonetica.

I corsi possono essere seguiti in aula nei nostri studi professionali di Roma e Milano, oppure Online.

Matteo Torre
Matteo Torre

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Serve una mano?

Siamo qui per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Scrivici su WhatsApp al 366 366 7166