Esercizi di dizione: pronunciare i numeri in dizione

Oggi spieghiamo l'importanza di pronunciare correttamente i numeri con esercizi di dizione specifici per ogni numero da uno a dieci, enfatizzando l'accento corretto per migliorare la comunicazione.

La dizione è un’arte raffinata che trasforma il parlato quotidiano in una melodia chiara e comprensibile. Non è solo una questione di eloquenza, ma di precisione e intenzionalità in ogni sillaba che pronunciamo. Questo è particolarmente vero quando si tratta di numeri, elementi fondamentali della nostra comunicazione quotidiana. Oggi, ci dedichiamo a perfezionare la pronuncia attraverso gli esercizi di dizione sui numeri, quei protagonisti silenziosi della nostra espressione verbale.

In questo articolo ci siamo esercitati sulla pronuncia degli elementi della tavola in dizione.

Affinare la pronuncia dei numeri con gli esercizi di dizione:

I numeri sono più di semplici segni; sono la frequenza della vita quotidiana, scandiscono il tempo e quantificano il mondo intorno a noi. Ecco perché qui enfatizziamo l’importanza di esercizi di dizione specifici per i numeri. Ogni numero ha il suo accento, il suo ritmo, e richiede una particolare attenzione nella pronuncia.

  • Ùno: l’accento cade sulla “u”, la prima e unica vocale della parola. È importante dare enfasi a questa vocale per distinguere il numero dall’indeterminativo “un”.
  • Dùe: l’accento tonico è sulla “u”, la seconda vocale della parola. La pronuncia corretta richiede che questa vocale sia enfatizzata rispetto alla “e” finale.
  • Tré: l’accento è sulla “e”, che è l’unica vocale dopo la consonante “r”. Questa “e” deve essere pronunciata apertamente e con chiarezza. La ‘e’ è chiusa.
  • Quàttro: l’accento cade sulla prima “a”. È importante non affrettare la pronuncia, ma dare alla “a” la sua piena sonorità.
  • Cìnque: l’accento è sulla “i”, la seconda vocale della parola. La “i” deve essere pronunciata in modo netto e distinto.
  • Ѕèi: l’accento tonico cade sulla “e”. Anche se la parola è breve, è cruciale assicurarsi che la “e” sia la vocale più enfatizzata. La ‘e’ è aperta.
  • Ѕètte: l’accento è sulla prima “e”. Questa vocale deve essere pronunciata con un tono leggermente più elevato o marcato rispetto alla seconda “e”. La ‘e’ è aperta.
  • Òtto: l’accento cade sulla “o”. Questa vocale deve risuonare chiaramente e distintamente, senza essere sovrastata dalle consonanti “t”.
  • Nòve: l’accento è sulla “o”. La pronuncia deve assicurare che questa vocale sia enfatizzata, dando alla parola un senso di completezza.
  • Dièci: l’accento tonico cade sulla “e”. La pronuncia corretta richiede che questa vocale sia la più marcata della parola, segnalando il passaggio a una nuova decina. È presente il dittongo ‘IE’, la ‘e’ è sempre aperta.

In questo video spieghiamo come migliorare l’articolazione delle parole.

Attraverso esercizi di dizione mirati, possiamo trasformare la pronuncia dei numeri in un’esperienza d’ascolto piacevole e precisa. E ricordate: la dizione non è solo una pratica linguistica; è un ponte verso una comunicazione efficace e un’arte che arricchisce ogni aspetto del parlato.

Mauro Zibaldo
Mauro Zibaldo

Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per fini tecnici, statistici e di profilazione. Cliccando su “Accetto”, acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie e su come gestirli, consulta la nostra Cookie Policy

Serve una mano?

Siamo qui per darti tutte le informazioni di cui hai bisogno. Scrivici su WhatsApp al 366 366 7166

Migliora la tua voce in modo facile e veloce...

Anche in vacanza!

Segui i video corsi sul cellulare mentre ti godi il relax sul lettino